Prevenzione dei rischi, quanto conta la pianificazione?

  • 0
  • 85 views

Prevenzione dei rischi, quanto conta la pianificazione?

AMBIENTE

di
Luana Di Lodovico – Istituto Nazionale di Urbanistica*


di Luana Di Lodovico – Istituto Nazionale di Urbanistica*



Contenuto riservato agli abbonati

10/02/2023 – Il terremoto che ha colpito la Turchia e la Siria nei giorni scorsi riporta drammaticamente all’attenzione di tutti il tema della prevenzione dei rischi e delle norme antisismiche nelle costruzioni.
 
A questi problemi, acuiti dalla sempre crescente urbanizzazione, si aggiunga che negli ultimi decenni i “fenomeni naturali estremi” (alluvioni, frane, esondazione di fiumi, etc) risultano in aumento sia a causa del cambiamento climatico, sia a causa della “cattiva gestione” del nostro territorio: lo sviluppo edilizio, soprattutto dell’ultimo secolo, ha invaso aree di grande fragilità (a rischio idraulico, a rischio frane, etc) creando le premesse per futuri eventi calamitosi e alterando gli equilibri ambientali.
 
Un recente studio dell’European Commission Joint Research Centre ha previsto che nel 2040 le vittime per catastrofi naturali in Europa potrebbero complessivamente essere comprese tra …



Pubblicato su www.edilportale.com – Luana Di Lodovico – Istituto Nazionale di Urbanistica*

Leggi qui tutto l’articolo

Case Green, entro il 2030 edifici in classe E: primo via libera alla Direttiva
Precedente Case Green, entro il 2030 edifici in classe E: primo via libera alla Direttiva
Nuove infrastrutture per 500 milioni di euro, via libera del Cipess
Successivo Nuove infrastrutture per 500 milioni di euro, via libera del Cipess

Leave a Comment:

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.