Superbonus e bonus edilizi, le guide di Edilportale per il 2023

  • 0
  • 81 views

13/01/2023 – Nel 2023 si continueranno ad utilizzare le detrazioni per l’efficientamento energetico, la messa in sicurezza e la ristrutturazione degli immobili, nonché i bonus per l’acquisto di mobili ed elettrodomestici efficienti.
 
Anche se la scadenza delle detrazioni non era in dubbio, la  Legge di Bilancio per il 2023 e la legge di conversione del Decreto “Aiuti-quater” hanno introdotto alcune modifiche, che condizionano la fruizione dei bonus.
 

Superbonus, aliquote differenziate al 110% e 90%

Il Superbonus, nato con un’aliquota unica al 110%, dal 2023 subisce delle riduzioni. Nei condomìni, negli immobili unifamiliari e nelle unità immobiliari funzionalmente indipendenti scende al 90%. La detrazione mantiene l’aliquota al 110% solo nei condomìni che hanno deliberato i lavori entro scadenze prestabilite e nelle unifamiliari che hanno centrato l’obiettivo del 30% dell’intervento complessivo entro il 30 settembre 2022.
 
I passaggi della cessione del credito salgono da 4 a 5. Se la prima comunicazione di sconto in fattura o cessione del credito è stata inviata all’Agenzia delle Entrate entro il 31 ottobre 2022, i crediti non utilizzati possono essere fruiti in 10 rate annuali di pari importo anziché in 4.
 

 

Bonus ristrutturazioni e Ecobonus, cambia la cessione del credito

La scadenza e le regole dell’Ecobonus e del Bonus Ristrutturazioni restano invariate. Gli incentivi del 50 o 65% per l’efficientamento energetico degli immobili, del 70-75% per gli interventi sule parti comuni o dell’80-85% in caso di opere finalizzate anche alla riduzione del rischio sismico, continueranno ad essere in vigore fino al 31 dicembre 2024.
 
Scadrà il 31 dicembre 2024 anche il bonus 50% per il recupero del patrimonio edilizio. Per entrambi i bonus, non cambiano né i tetti di spesa né le condizioni per ottenere le detrazioni. L’unico cambiamento riguarda i passaggi della cessione del credito, che passano da 4 a 5 totali.
 

 

 

Bonus Mobili, il tetto di spesa scende

Il tetto di spesa su cui calcolare il Bonus Mobili nel 2023 scende da 10mila a 8mila euro. Restano stabili la scadenza, fissata al 31 dicembre 2024, e le condizioni per ottenere il bonus: l’acquisto deve essere destinato all’arredo di un immobile ristrutturato e gli elettrodomestici devono avere una classe non inferiore alla: A per i forni; E per le lavatrici, le lavasciugatrici e le lavastoviglie; F per i frigoriferi e i congelatori.
 



Pubblicato su www.edilportale.com – Paola Mammarella

Leggi qui tutto l’articolo

Superbonus, cosa cambia e cosa resta nel 2023
Precedente Superbonus, cosa cambia e cosa resta nel 2023
Videosorveglianza in condominio, come gestirla rispettando il diritto alla privacy
Successivo Videosorveglianza in condominio, come gestirla rispettando il diritto alla privacy

Leave a Comment:

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.