Bonus mobili ed elettrodomestici, come destreggiarsi tra i tetti di spesa

  • 0
  • 84 views

12/01/2023 – Dai 16.000 euro del 2021 ai 10.000 del 2022 per poi scendere a quota 8.000 nel 2023. È il tetto di spesa del bonus mobili, modificato ogni anno, da tenere ben presente quando si intende portare in detrazione il 50% delle spese per arredi ed elettrodomestici, soprattutto se gli acquisti vengono fatti in anni diversi.
 
Un contribuente si è rivolto all’Agenzia delle entrate per spiegare il suo caso. A maggio 2021 ha realizzato un intervento di ristrutturazione edilizia che gli ha permesso di accedere al bonus mobili per una spesa di 9.620 euro, portati in detrazione nella dichiarazione dei redditi dell’anno 2021. Nel 2022 ha fatto un ulteriore acquisto di mobili per un importo di 4.050 euro (quindi 13.670 euro in totale).
 
Nel 2021 il tetto di spesa, come detto, era di 16.000 euro; nel 2022 l’importo ammesso in detrazione è stato ridotto a 10.000 euro. Il contribuente chiede, quindi, se sia possibile detrarre l’importo di 4.050 euro nell’anno di imposta 2022.
 

Bonus mobili ed elettrodomestici, come destreggiarsi tra i tetti di spesa

L’Agenzia risponde ricordando che per il periodo d’imposta 2022 la detrazione del 50% per l’acquisto di mobili ed elettrodomestici destinati ad arredare l’immobile ristrutturato va calcolata su un importo massimo di spesa di 10.000 euro.
 
Tuttavia – sottolinea il Fosco -, tale importo deve essere considerato al netto delle spese sostenute nell’anno precedente (pari a 9.620 euro) per le quali è stata già richiesta la detrazione.
 
Pertanto, sugli ulteriori acquisti effettuati nel 2022 si potrà usufruire di una detrazione calcolata sull’importo massimo di 380 euro (10.000 – 9.620).
 
Per tutte le informazioni sul bonus mobili ed elettrodomestici, vai allo Speciale Bonus Mobili di Edilportale.
 



Pubblicato su www.edilportale.com – Rossella Calabrese

Leggi qui tutto l’articolo

Riforestazione urbana, quanto contribuisce a ridurre l’inquinamento in città?
Precedente Riforestazione urbana, quanto contribuisce a ridurre l’inquinamento in città?
Superbonus, Enea: oneri per lo Stato a quota 69 miliardi di euro
Successivo Superbonus, Enea: oneri per lo Stato a quota 69 miliardi di euro

Leave a Comment:

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.