REAL BODIES DAL 25 NOVEMBRE AL TEATRO MARGHERITA DI BARI, “Il format anatomico da milioni di visitatori”

  • 0
  • 378 views

Dal 25 Novembre, al Teatro Margherita di Bari, potrete ammirare l’anatomia di veri corpi umani conservati grazie alla tecnica della plastinazione.

Dopo aver affascinato le principali città italiane, Milano, Roma, Venezia, la mostra Real Bodies, organizzata da Cube Comunicazione e Time4fun, giungerà anche a Bari.

 

La tecnica della plastinazione consiste nella sostituzione dei liquidi con polimeri di silicone per poter esporre i corpi al pubblico senza nessuna difficoltà. Ma facciamo un passo indietro: cos’è l’anatomia?

L’anatomia, dalle antiche origini, prende nome dal greco classico (anatomè, tagliare e dissezionare attraverso), e le sue prime tracce come studio scientifico risalgono alla scuola medica di Alessandria d’Egitto. Successivamente, in epoca medievale, lo studio del corpo subì una brusca inversione di rotta a causa dei molteplici timori religiosi; tutto cambiò all’arrivo del Rinascimento, con lo studio approfondito e diretto dei cadaveri.

Oggi, con l’utilizzo della plastinazione, si può studiare l’anatomia umana direttamente in una mostra aperta al pubblico.

 

Real Bodies sarà un percorso che condurrà il visitatore alla scoperta delle varie sfaccettature della vita: dalla nascita alla morte, con i relativi processi di invecchiamento; gli apparati riproduttivi; organi colpiti da grave malattie; il sistema scheletrico, nervoso e muscolare.

 

I visitatori potranno usufruire di audio-guida e di realtà virtuali tramite l’utilizzo di visori presenti al Teatro Margherita di Bari.

 

Il costo del biglietto è 16 euro per gli adulti, 12 euro per invalidi, over 65 e bambini dai 6 ai 12 anni, 10 euro per gruppi e scuole. I biglietti sono acquistabili online su https://www.realbodiesbari.it/.

Il format anatomico di Real Bodies ha totalizzato milioni di visitatori nel mondo, vantando l’interesse delle scuole di ogni ordine e grado; Bari è pronta ad unirsi alla magia della scienza.

CALDO ANOMALO, “Perché così caldo non è un bene”
Precedente CALDO ANOMALO, “Perché così caldo non è un bene”
FELICIA KINGLSEY ALLA FELTRINELLI BARI, “Ti aspetto a Central Park” il suo nuovo romanzo
Successivo FELICIA KINGLSEY ALLA FELTRINELLI BARI, “Ti aspetto a Central Park” il suo nuovo romanzo