Campagna di comunicazione “Code di casa”

  • 0
  • 277 views

In virtù dell’articolo 1, comma 453, della legge 27 dicembre 2019, n.160, che prevede che il Ministro della Salute definisca le modalità per la promozione di campagne di informazione e sensibilizzazione riguardanti gli animali di affezione, è stata realizzata una campagna integrata di comunicazione, volta a sensibilizzare la popolazione sul possesso responsabile degli animali d’affezione, sull’importanza dell’adozione, e sull’abbandono, anche al fine di contrastare il conseguente fenomeno del randagismo. Ad oggi si calcolano circa 11.800.000 cani e 641.000 gatti di proprietà iscritti all’anagrafe nazionale animali d’affezione.

I dati forniti dalla Direzione generale della sanità animale e dei farmaci veterinari del Ministero della salute evidenziano che per l’anno 2019 sono stati registrati 86.982 ingressi di cani nei canili sanitari e 45.695 ingressi nei rifugi. In merito alla sterilizzazione, identificazione e registrazione degli animali d’affezione all’anagrafe, strumenti fondamentali per combattere il fenomeno del randagismo, si registrano forti disparità fra le Regioni italiane, in particolare maggiori criticità in tal senso si riscontrano in Sicilia, Calabria, Puglia, Sardegna ed in alcune province della Campania.

Obiettivi

  •  Promuovere l’adozione consapevole degli animali di affezione, incentivando il più possibile l’adozione nei canili e nei gattili.
  • Diffondere la cultura del possesso responsabile, ovvero informare proprietari e futuri proprietari sia sui comportamenti da seguire che sugli obblighi di legge (microchip, registrazione all’anagrafe, raccolta deiezioni, danni a persone e cose, ecc.).
  • Invitare i proprietari dei cani a partecipare ai percorsi formativi in modo da facilitare la gestione del proprio animale d’affezione e garantirne il benessere.
  • Contrastare l’abbandono degli animali d’affezione (che costituisce anche reato previsto dal codice penale) e incentivare la pratica della sterilizzazione.
  • Evidenziare i benefici che un cane e un gatto possono portare e raccontare tutte le qualità per le quali in casa sono capaci di arricchirti la vita.

Gli obiettivi e la declinazione della campagna sono stati condivisi con la Federazione Nazionale dell’Ordine dei Medici Veterinari Italiani (FNOVI), l’Associazione Nazionale Medici Veterinari Italiani (ANMVI), la Società Italiana di Medicina Veterinaria Preventiva (SIMeVeP) e con le principali associazioni che a livello nazionale si occupano della difesa degli animali (quali ENPA, LAV,  LEIDAA, LNDC, OIPA).

Target

La campagna di comunicazione è rivolta alla popolazione generale, con particolare riguardo ai bambini e alle famiglie, nonché ai proprietari di cani e gatti e a tutti coloro che desiderano adottare un cane o un gatto.

Strumenti e mezzi

Vista la molteplicità degli obiettivi basati sulle tre principali tematiche (adozione, possesso responsabile, abbandono), il Ministero ha realizzato una campagna integrata attraverso l’utilizzo di diversi strumenti e programmandone la veicolazione su molteplici mezzi di comunicazione, in modo da arrivare capillarmente su tutto il territorio nazionale. Più precisamente, sono state ideate due campagne di comunicazione, una realizzata con strumenti tradizionali, come spot televisivi e radiofonici, ed un’altra digital sui canali social “Code di casa” dedicati.

La campagna per la TV “Ogni animale è una grande storia. A scriverla, sei tu” pone gli argomenti da trattare sotto forma di tre brevi storie/favole. Per la realizzazione delle storie sono stati utilizzati i disegni animati ideati dal disegnatore Giordano Poloni, che affrontano ciascuno, rispettivamente, il tema dell’adozione in canile, del possesso responsabile attraverso l’utilizzo del microchip e, infine, dell’abbandono.

Il tono usato nei messaggi è molto delicato, adatto ai bambini pur contenendo importanti messaggi istituzionali.

Per questa campagna, in particolare, sono stati realizzati tre spot televisivi (versione da 30” e da 15”).

La campagna digital denominata “Code di casa” intende raccontare con un approccio leggero e amichevole il rapporto con gli amici a quattro zampe senza trascurare anch’essa temi seri ed importanti come l’abbandono, il possesso responsabile e l’adozione.

Testimonial d’eccezione sarà il cantante Tiziano Ferro che ha offerto la propria immagine a titolo gratuito, per una serie di video pensati espressamente per “Code di Casa” in cui parlerà delle sue esperienze di adozione di cani abbandonati.

Questa campagna è molto articolata, prevede un piano editoriale diversificato che tratta i vari contenuti, utilizzando tali strumenti:

  • LOGO originale “Code di casa”, composto da un pittogramma dove vengono raffigurati i profili di un cane e di un gatto e con la denominazione capace di racchiudere i due mondi che entrano in sintonia: quello degli animali con la parola “code” e quello dell’ambiente domestico con la dicitura “di casa”.
  • VIDEO con il testimonial Tiziano Ferro.

WEB

  • landing page www.codedicasa.it .
  • pagina Facebook “Code di casa” e account Instagram “Code di casa”.
  • strumenti interattivi per i social (motivo per immagine profilo Facebook, gif animate e statiche per Instagram, filtro per Instagram, ecc.)
  • poster tematici (abbandono, scelta animale, adozione, possesso responsabile, ecc.)

Diffusione della campagna

  • La presenza di un testimonial importante dalla notorietà internazionale come Tiziano Ferro rappresenta un volano trainante alla viralizzazione spontanea dei video.
  • Parallelamente, la campagna si avvarrà della collaborazione di digital influencer molto vicini al tema, che sui rispettivi account rilanceranno l’hasthtag e gli strumenti “Code di casa” (Alice Agnelli, Claudio di Biagio, Gatto Pulciosetto, Erika Boldrin).
  • È prevista, inoltre, un’attività di engagement e, attraverso strumenti interattivi speciali, si coinvolgeranno gli utenti ad essere ambassador del progetto.

Inoltre, gli spot saranno veicolati sul web da Citynews, grazie alle oltre 50 pubblicazioni on-line della testata Today.

Guarda:

Pubblicato su www.salute.gov.it – Ministero della Salute

Leggi qui tutto l’articolo

Asili nido e scuole dell’infanzia, gare Invitalia
Precedente Asili nido e scuole dell’infanzia, gare Invitalia
Superbonus Enea costo per lo Stato
Successivo Superbonus Enea costo per lo Stato

Leave a Comment:

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.